Come Creare una macchina virtuale su Microsoft Azure

Come da titolo tramite questo piccolo tutorial andremo a vedere come creare una macchina virtuale su Microsoft Azure, che potremo raggiungere tramite rete pubblica da qualsiasi rete dove ci troviamo.

Come primo passo colleghiamoci al portale https://portal.azure.com tramite un account Microsoft di nostra proprietà.  Una volta che abbiamo effettuato l’accesso saremo all’interno della nostra dashboard.

Dal menu a sinistra andiamo a selezionare la voce "Macchine Virtuali" e clicchiamo sul pulsante "aggiungi" in alto a sinistra sulla schermata che si è appena aperta.

Ora dovremo andare a scegliere il tipo di sistema operativo che vogliamo andare a installare sulla nostra macchina; in questo caso io sceglierò Windows Server 2012.

Nella schermata successiva prima di premere il pulsante "Crea" dovremo andare a scegliere il modello di distribuzione dove avremo due scelte:

  • Versione classica: Si utilizza per la retro compatibilità con il vecchio portale di Azure
  • Gestione risorse: Non sarà compatibile con il vecchio portale di Azure.

In questo caso andiamo a scegliere il modello Gestione Risorse e procediamo con la creazione della macchina.

Nel primo Step ci verranno chieste le nozioni di Base per creare la nostra macchina tra cui:
Nome VM, Tipi di dischi, nome utente è password per accedere, a quale nostra sottoscrizione Azure associare la macchina, il gruppo di risorse a cui associare la macchina e la località del data center dove vogliamo sia ospitata.

Nel secondo step dovremo andare a scegliere le dimensioni della nostra macchina. Su Azure non è possibile personalizzare la macchina a nostro piacimento, ma dobbiamo scegliere in base alle nostre esigenze i  piani che ci vengono proposti. Naturalmente se un giorno ci accorgiamo che la nostra macchina ha bisogno di più risorse possiamo cambiare il piano con uno più elevato, naturalmente aumentando i costi.

Per avere maggiori informazioni su questi piani potete andare a vedere la documentazione ufficiale sul sito https://azure.microsoft.com/it-it/documentation/articles/virtual-machines-windows-sizes/

Nello step successivo dovremo andare a impostare l’account di archiviazione, la rete, le estensioni , la disponibilità, se abilitare il monitoraggio e l’account di archiviazione diagnostica. Nel nostro caso nella parte della rete sono andato ad abilitare l’ip pubblico altrimenti non potremo raggiungere la nostra macchina virtuale.

Nel quarto e ultimo step abbiamo il riepilogo di tutti i parametri impostati sulla nostra macchina virtuale e se è tutto corretto premiamo ok per procedere con la creazione della nostra macchina.

Una volta completata, tornando sul menu macchine virtuali troveremo la nostra VM  e ne vedremo lo status.

Per poterci collegare alla macchina clicchiamoci sopra e dalla schermata che si aprirà andiamo a premere connetti. In questo modo potremo decidere se aprire direttamente la nostra connessione tramite desktop remoto dal portale o salvarci il collegamento rdp sul nostro terminale.

A questo punto abbiamo la nostra macchina virtuale attiva e funzionante. Naturalmente ci sono molti aspetti di cui non abbiamo parlato da tenere conto, ma l’intento di questa guida è mostrarvi un po’ il mondo di Azure  e in questo caso come creare una macchina virtuale.

Come ultima nota vi consiglio di non spegnere la macchine da sistema operativo ma di utilizzare il pulsante arresta dalle impostazioni della VM su Azure (lo spegnimento è comunque pilotato) altrimenti continuerete a spendere anche se la macchina non è utilizzata.

Se volete maggiori informazioni o avete dubbi scrivetemi pure.

Autore: Alberto Giannoni
Mail: alberto.giannoni@dev-oclock.com
LinkedIn: https://it.linkedin.com/in/albertogiannoni